Scarsità idrica

Stato e trend a livello globale

La scarsità idrica può essere definita come la mancanza di acqua dolce rispetto al fabbisogno idrico. Possiamo identificare due tipologie di scarsità d’acqua: fisica o economica. La scarsità fisica dell’acqua significa che non c’è abbastanza acqua dolce per soddisfare tutte le richieste (es. Asia occidentale1), mentre la scarsità economica dell’acqua è dovuta a problemi economici che portano alla mancanza di infrastrutture o tecnologie per attingere acqua dai fiumi o dalle falde acquifere (area sub-sahariana aree africane).

Cos’è la scarsità fisica dell’acqua?

La scarsità fisica dell’acqua rappresenta una situazione in cui l’acqua disponibile è insufficiente per soddisfare tutte le richieste. I rischi legati all’acqua sono una sfida globale urgente: il cambiamento climatico sta esacerbando il problema modificando i modelli di precipitazioni, alterando l’approvvigionamento idrico e accelerando lo scioglimento dei ghiacciai e l’innalzamento del livello del mare.

Per meglio definire il livello di scarsità idrica, si possono adottare alcune metriche; una tra le più note è l’indice di Falkenmark e Lindh del 1974 (“Falkenmark indicator”), ancora utilizzato per misurare la scarsità e lo stress idrico. Questo metodo definisce la scarsità idrica in termini di risorse idriche totali disponibili per la popolazione di una regione, misurando la scarsità come la quantità di acqua dolce rinnovabile disponibile per ogni persona ogni anno. Utilizza valori soglia di 500, 1.000 e 1.700 m3/persona/anno per distinguere tra diversi livelli di stress idrico. In base a questo criterio, i paesi o le regioni devono affrontare una carenza idrica assoluta se le risorse idriche rinnovabili sono <500 m3 pro capite, una carenza idrica cronica se le risorse idriche rinnovabili sono comprese tra 500 e 1.000 m3 pro capite e uno stress idrico regolare tra 1.000 e 1.700 m3 pro capite2,3.

Un’altra metrica interessante è il Water Exploitation Index plus (WEI+), introdotta dal Water Scarcity and Drought Expert Group della Commissione Europea4, e rappresenta la domanda media annua totale di acqua dolce diviso per le risorse medie di acqua dolce a lungo termine. Fornisce un’indicazione di come la domanda totale di acqua esercita una pressione sulla risorsa idrica per ciascuno dei quattro trimestri dell’anno.

Valori WEI+ superiori al 20% indicano che le risorse idriche sono sotto stress e quindi prevalgono condizioni di scarsità idrica; valori superiori al 50% indicano che lo stress è grave mentre valori superiori al 100% possono essere visti come indicatori di uno scenario altamente insostenibile, anche per un breve periodo di tempo.

Perché c’è scarsità idrica?

In linea di principio, le cause della scarsità idrica possono essere suddivise in due categorie principali: naturali e indotte dall’uomo o antropiche.

Innanzitutto, il cambiamento climatico è il principale attore in questo campo: la quantità e la distribuzione delle precipitazioni durante l’anno stanno cambiando molto rapidamente. In particolare, la tendenza è verso pochi eventi piovosi, ma di elevata intensità; questo porta a una discrepanza tra disponibilità idrica e domanda idrica. Inoltre, il rapido scioglimento di neve e ghiaccio nelle regioni di alta quota sta avendo un impatto significativo sulla sicurezza idrica globale, poiché non è più garantita un’adeguata disponibilità nei i mesi estivi5,6. Anche l’aumento della frequenza dei disastri naturali come tsunami e inondazioni può causare gravi carenze idriche per la popolazione locale poiché importanti infrastrutture pubbliche potrebbero essere distrutte e l’acqua potrebbe essere contaminata, portando al crollo totale dell’approvvigionamento idrico locale.

La mancanza d’acqua per cause naturale può essere aggravata dall’influenza antropica, come la crescita della popolazione e la cattiva gestione dell’acqua. L’aumento della popolazione è un fattore importante, ma le ragioni principali dei problemi idrici si identificano in: investimenti inadeguati, istituzioni inefficaci e cattiva governance7,8.

Inoltre, l’inquinamento e la contaminazione (causati principalmente dal settore agricolo e industriale) degradano la qualità dell’acqua: il degrado del suolo altera i processi idrologici che influenzano negativamente la disponibilità di acqua per l’uomo e per l’ambiente. A questo proposito, l’agricoltura è il settore che ha la più alta domanda di acqua ed è il principale consumatore di acqua nel mondo9. L’uso improprio dell’acqua, la produzione di eccessivi sprechi idrici e il degrado della qualità della materia prima in gran parte possono essere attribuiti a una cattiva gestione dell’irrigazione. In aggiunta, la quantità di acqua dolce che si trova sottoterra nelle falde acquifere si sta esaurendo con il consumo quotidiano di acqua per scopi agricoli e industriali10.

Quando si presenterà la scarsità d’acqua?

La scarsità idrica viene descritta per la prima volta in documenti storici risalenti al 1800 in Nord America e in alcune aree del Sud Africa. Tuttavia negli ultimi anni sta diventando un problema cruciale in molte più aree.

Definire una tempistica precisa è impossibile, ma è evidente la tendenza verso una scarsità idrica più pronunciata a causa del cambiamento climatico e all’aumento della domanda idrica. Lo studio “EU Water Saving Potential” commissionato dall’UE nel 200711 sul potenziale di risparmio idrico in Europa ha stimato che il consumo di acqua potrebbe aumentare del 16% entro il 2030 in uno scenario “business as usual“.

L’Organizzazione Meteorologica Mondiale (WMO) avverte che la carenza di risorse idriche legata al clima potrebbe colpire due terzi della popolazione mondiale entro la metà del secolo e sarà avvertita in modo non uniforme12. Cinque miliardi di persone, ovvero circa i due terzi della popolazione mondiale, dovranno affrontare almeno un mese di carenza idrica entro il 2050, secondo i rapporti delle Nazioni Unite su come il cambiamento climatico sta influenzando le risorse idriche mondiali13. La WMO sottolinea che la sicurezza idrica diventerà sempre più disomogenea in tutto il mondo, condizione che si intensifica durante i mesi estivi nella maggior parte dei paesi. Questa è una combinazione di clima secco, flussi ridotti e maggiori prelievi per l’agricoltura irrigua, il turismo, le attività ricreative e altre attività socio-economiche durante quel periodo dell’anno.

Dove è presente una situazione di scarsità d’acqua?

La valutazione dell’Organizzazione Meteorologica Mondiale, pubblicata nel novembre 2022, include proiezioni sui deflussi fluviali, inondazioni e siccità in tutti i continenti.

Negli Stati Uniti, ad esempio, si prevede che la persistente siccità impatterà sulla sicurezza idrica in Occidente. Anche se la regione dei Grandi Laghi vedrà una sicurezza idrica relativamente elevata data la sua vicinanza a cinque dei più grandi laghi d’acqua dolce del mondo. Altre regioni in cui è prevista una capacità di stoccaggio dell’acqua superiore alla media nel 2050 includono il bacino del Niger nell’Africa occidentale, l’East African Rift e il bacino settentrionale dell’Amazzonia. Al contrario, il rapporto ha identificato diversi “punti caldi con tendenze negative” globali sullo stoccaggio dell’acqua, tra cui il bacino del Rio Sao Francisco in Brasile, la Patagonia nella parte meridionale del Sud America, le sorgenti del fiume Gange nelle montagne dell’Himalaya nell’India settentrionale e il fiume Indo che scorre dal Tibet al Mar Arabico.

Per quanto riguarda l’area europea, secondo l’Agenzia Europea dell’Ambiente (EEA)14 la scarsità idrica ha colpito il 29% del territorio dell’UE durante almeno una stagione nel 2019. Nonostante il prelievo idrico sia diminuito del 15% nell’UE tra il 2000 e il 2019, non vi è stata alcuna riduzione complessiva dell’area interessata da condizioni di scarsità idrica: dal 2010, infatti, c’è stato un netto peggioramento. Il cambiamento climatico aumenterà ulteriormente la frequenza, l’intensità e gli impatti degli eventi di siccità, rendendo più complessa la gestione della disponibilità d’acqua entro il 2030. Sono necessari ulteriori accorgimenti per garantire un uso sostenibile dell’acqua.

Figura 1. Peggiori condizioni di scarsità idrica stagionale per i paesi europei nel 2019, misurate dall’indice di sfruttamento idrico più (WEI+)15.

La Figura 1 rappresenta una classificazione dei paesi europei nel 2019, secondo l’indice WEI+. Cipro, Malta, Grecia, Portogallo, Italia e Spagna hanno affrontato le condizioni di scarsità idrica più significative nell’UE-27 su scala stagionale (WEI+ stagionale >40%). Malta sta vivendo condizioni di permanente scarsità d’acqua in parte a causa delle sue condizioni idroclimatiche naturali. Anche la Romania mostra problemi di scarsità d’acqua (WEI+ stagionale >20%). Tra i paesi europei non appartenenti all’UE per i quali sono disponibili i dati, la Turchia è quella più colpita. Per ogni paese, il trimestre peggiore dell’anno è mostrato nella Figura 1 (es. Q3 indica i seguenti mesi: luglio-agosto-settembre).

Chi monitora la scarsità d’acqua?

La scarsità d’acqua è monitorata a diversi livelli, ad es. locale, autorità fluviale, nazionale e internazionale. L’andamento generale a livello internazionale viene solitamente analizzato da organizzazioni mondiali (es. World Meteorological Organization – WMO, Nazioni Unite che hanno definito gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile – SDGs). Questo tipo di attività di monitoraggio è piuttosto generico, non si concentra su regioni specifiche ma sull’andamento della scarsità idrica in base alle previsioni di disponibilità idrica (legate ad esempio ai cambiamenti climatici) e all’evoluzione futura della domanda idrica per macroaree. Le agenzie regionali (come l’EEA, precedentemente citata) focalizzano la loro attenzione sulle realtà locali, approfondendo maggiormente a livello di Paese. Infine ci sono ministeri o agenzie locali all’interno di un paese che studiano la scarsità d’acqua dalla scala regionale a quella di bacino.

Tutte queste organizzazioni/agenzie spesso sviluppano strategie per prevenire o gestire la scarsità d’acqua: ad esempio, l’SDG 6 si riferisce a garantire la disponibilità e la gestione sostenibile dell’acqua e dei servizi igienico-sanitari per tutti. Mira ad aumentare sostanzialmente l’efficienza dell’uso dell’acqua in tutti i settori e garantire prelievi e forniture sostenibili di acqua dolce per far fronte alla scarsità d’acqua e ridurre sostanzialmente il numero di persone che soffrono di scarsità d’acqua entro il 2030. Tiene inoltre conto dei requisiti di flusso ambientale. In questo caso i dati possono essere disaggregati geograficamente (bacino idrico), per fonte (acque superficiali/falde) e per attività economica. I ministeri e le istituzioni di competenza nazionale (ad esempio, per l’acqua, l’agricoltura e l’ambiente e l’Ufficio nazionale di statistica) sono responsabili della raccolta di questi dati16.

In che modo la scarsità d’acqua impatta sulla vita dell’uomo?

La scarsità d’acqua può influenzare la nostra società e le nostre vite in molti modi:

  1. Mancanza di accesso all’acqua potabile e fame: il problema più grande che si verifica quando si ha scarsità d’acqua è che le persone non sono in grado di ottenere acqua potabile fresca e pulita. Ciò porta spesso a carenze alimentari (ad esempio, anche gli animali muoiono, con conseguente mancanza di carne) che inevitabilmente si ripercuotono sulla salute della popolazione colpita (malnutrizione, malattie infettive, mancanza di servizi igienico-sanitari);
  2. Crisi industriale, agricola ed economica: le persone che hanno a che fare con la scarsità d’acqua sono spesso bloccate nella povertà, poiché non sono in grado di ottenere le risorse di cui hanno bisogno per poter prosperare. Ad esempio, eventi di siccità possono causare un basso livello dell’acqua nei fiumi e successivamente difficoltà nel trasporto fluviale e mancanza di approvvigionamento di materiali necessari per le industrie (questo è il caso della siccità sul fiume Reno nel 2018). D’altra parte, livelli più bassi di fiumi o serbatoi hanno un forte impatto sulla produzione di energia idroelettrica, il che significa una minore produzione di elettricità e perdite economiche (molte centrali idroelettriche si sono fermate a causa della siccità nell’estate 2022: ad esempio Solkan in Slovenia nel luglio 2022 o molte centrali termoelettriche lungo il fiume Po in Italia). Infine anche il turismo risente della siccità: sia i comprensori sciistici che i siti balneari potrebbero risentire fortemente della scarsità d’acqua;
  3. Distruzione degli habitat e della biodiversità: la scarsità d’acqua potrebbe portare all’estinzione animali e piante.

Come agire per sopperire alla scarsità idrica?

Possiamo agire a diversi livelli, dal risparmio idrico nell’uso domestico alle politiche nazionali/regionali o mondiali. Tuttavia possiamo identificare alcune contromisure alla scarsità d’acqua come segue:

  • costruire invasi per trattenere l’acqua piovana da utilizzare quando necessario, poiché in futuro la tendenza è quella di avere meno eventi piovosi ma caratterizzati da una forte intensità;
  • ridisegnare i canali irrigui e gli acquedotti, ancora caratterizzati da enormi dispersioni;
  • investimenti tecnologici in sistemi di irrigazione intelligente o a goccia e riprogrammazione delle colture in base alle risorse idriche disponibili;
  • minor uso di sostanze chimiche sia in agricoltura che nell’industria: attualmente vengono utilizzati livelli eccessivi di fertilizzanti chimici e pesticidi per massimizzare i raccolti e troppe sostanze chimiche vengono versate nei fiumi. Ciò porta a un grave inquinamento del suolo, che a sua volta si traduce in inquinamento delle acque sotterranee e contribuisce al problema della scarsità d’acqua. È fondamentale ridurre l’uso di prodotti chimici, per garantire acqua pulita e ridurre il problema della scarsità d’acqua.
  1. Jauad El Kharraz, Alaa El-Sadek, Noreddine Ghaffour, Eric Mino, Water scarcity and drought in WANA countries, Procedia Engineering, Volume 33, 2012, Pages 14-29. ↩︎
  2. FAO (2017) Concepts and Definitions. https://www.fao.org/fileadmin/user_upload/wiews/docs/Metadata-02-05-01_PGR.pdf ↩︎
  3. White C (2012) Understanding water scarcity: definitions and measurements. Accessed 18 May 2018 ↩︎
  4. Faergemann, H. Update on Water Scarcity and Droughts indicator development. In EC Expert Group on Water Scarcity & Droughts; European Environment Agency: Brussels, Belgium, 2012; pp. 1–23 ↩︎
  5. Diaz, Henry F., et al. “Variability of freezing levels, melting season indicators, and snow cover for selected high-elevation and continental regions in the last 50 years.” Climate Variability and Change in High Elevation Regions: Past, Present & Future (2003): 33-52. ↩︎
  6. Huss, Matthias, et al. “Toward mountains without permanent snow and ice.” Earth’s Future 5.5 (2017): 418-435. ↩︎
  7. UN Water (2020) Monitoring water and sanitation in the 2030 Agenda for Sustainable Development. https://www.sdg6monitoring.org/. Accessed 03 July 2020 ↩︎
  8. Citigroup (2017) Solutions for the Global Water Crisis – the end of free and cheap water.  https://willembuiter.com/CitiGPSWater.pdf. Accessed 06 July 2020 ↩︎
  9. Donnenfeld Z, Crookes C, Hedden S (2017) A delicate balance: water scarcity in South Africa. Institute for Security Studies, Pretoria ↩︎
  10. Wada, Yoshihide, et al. “Global depletion of groundwater resources.” Geophysical research letters 37.20 (2010). ↩︎
  11. Dworak, Thomas & Berglund, Maria & Laaser, C & Strosser, Pierre & Rouillard, Josselin & etal,. (2007). EU Water Saving Potential. ↩︎
  12. STATE OF GLOBAL WATER RESOURCES 2021. World Meteorological Organization. WMO-No. 1308. ↩︎
  13. The Sustainable Development Goals Report 2022. United Nations. ↩︎
  14.  https://www.eea.europa.eu/ims/use-of-freshwater-resources-in-europe-1 ↩︎
  15. https://www.eea.europa.eu/ims/use-of-freshwater-resources-in-europe-1 ↩︎
  16. UN Water (2020) Monitoring water and sanitation in the 2030 Agenda for Sustainable Development. https://www.unwater.org/our-work/integrated-monitoring-initiative-sdg-6
    Accessed 03 July 2020 ↩︎

Condividi

Facebook
Twitter
LinkedIn

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato sulle tematiche delle previsione dell’acqua.